Antroposofia di Rudolf Steiner – Francesco Leonetti

Il mondo che verrà

Cari amici Buongiorno,

Questa mattina dopo aver letto per l’ennesima volta notizie un poco preoccupanti rispetto al mondo che stiamo edificando, come ad esempio l’introduzione del Green Pass COVID in Israele (https://bit.ly/3aGjhlw) …ho sentito il bisogno di riascoltare il Prof. Francesco Leonetti attraverso questa bellissima serie di conferenze tenute presso la Libreria Esoterica Cavour di Perugia.

L’ho fatto perché da sempre la forma-pensiero dell’antroposofo mi aiuta a sviluppare e mantenere la libertà intellettuale, critica e priva di pregiudizi, unita e imprescindibile alla fede e alla contemplazione del mondo delle energie sovrasensibili, vogliamo ora chiamarle spiriti, etere o anti-materia.

Pur avendo studiato e praticato l’antroposofia per molti anni non mi ritengo un antroposofo in senso stretto, ritengo bensì questo approccio intellettivo oggi, più vitale che mai, non solo per le porte dell’informazione che permette di aprire ma anche perché allontanta la paura.

Fortemente consigliato seguire dalla prima conferenza.

Nulla quanto l’antroposofia mi ha insegnato la libera ed evolutiva attività del pensiero, sin dai tempi del mio avvicinamento ad essa tramite le regole della coltivazione biodinamica.

Ecco perché condivido queste conferenze che non si limitano a raccontare e spiegare i pilastri della Scienza dello Spirito, bensì trasmettono un metodo, un approccio, una libertà di pensiero attraverso considerazioni storiche, sociali e scientifiche, dei momenti e delle discipline più caratterizzanti degli ultimi, almeno, 2.500 anni di civilità umana.

Un caro Saluto e buona visione,
Samuele

COLTIVARE FEDE #3 | COLTIVARE FEDE #2 | COLTIVARE FEDE #1

P.S. Le prime conferenze hanno un audio così-così ma presto la qualità produttiva migliora notevolmente!


SAMUELE BAROZZINO
Ricercatore indipendente, musicista compositore, astrologo, cartomante, armonizzatore pranico

Durante l’adolescenza lo scrittore Hermann Hesse apre in me una porta che non si chiuderà più e che mi accompagna alla scoperta di autori quali Steiner, Daskalos, Goethe, Ehret, Jung, Hillman (…) condividendone la visione dell’uomo come insieme non separabile di sfere (sensibili, sovrasensibili e spirituali). Quest’ottica che indaga più aspetti esistenziali dell’animo umano, gia’ presente nelle culture Antiche, influenza molto la mia crescita e le mie ricerche facendomi sentire elemento prezioso del grande organismo vivente all’interno del quale viviamo, che possiamo chiamare Macrocosmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *